• Aggiungi al segnalibro

In una bella giornata d’autunno, ho portato i bambini a scoprire come si fa il succo di mela – e in modo biologico! Siamo passati attraverso tutte le fasi e siamo stati in grado di partecipare. Alla fine della giornata, eravamo dei veri esperti!

Abbiamo la fortuna di vivere vicino al Domaine d’Ouézy, nel Pays d’Auge. Ci piace camminare lì. Tuttavia, non ero a conoscenza del frutteto. Hervé, il proprietario, ci ha accolto con un grande sorriso. Era accompagnato da suo figlio. Ci siamo sentiti a nostro agio non appena siamo arrivati. Ci ha spiegato le diverse fasi di quello che avremmo fatto. Consisteva nel raccogliere le mele, selezionarle, pastorizzarle e bere il succo appena fatto.

Raccolta di mele nel Pays d’Auge

Abbiamo raccolto le mele come si faceva una volta, a mano. Più tardi, Hervé ci ha mostrato come si raccolgono le mele con la sua macchina. Ma ci siamo messi al lavoro. Hervé ci ha lasciato dei guanti e ci ha spiegato due o tre cose che dovevamo sapere. Evitare di raccogliere mele marce e lasciare troppe foglie. Le sue mele non ricevono alcun trattamento chimico. “Non ci sono frutteti senza pecore! “Ha insistito prima di continuare: “Mangiano l’erba, puliscono e sono loro che fertilizzano la terra”. Fresquin rouge, Cimetière de Blangy, Noël des champs (mature a Natale), ecc. Le varietà del Pays d’Auge tra Carrouges e Honfleur compongono questo frutteto. Con l’aiuto di un raccoglitore di frutta, Hervé ha scosso energicamente un albero. I bambini erano impressionati. Le mele cadevano e toccava a noi raccoglierle, in ginocchio! Hervé ha gettato il nostro raccolto in una grande scatola chiamata palox. Direzione il torchio per la frutta.

Ed ora… il torchio!

Le mele erano già lavate. Mi ha incaricato di smistarle. Hervé ha dato un morso a una mela. “Mele per fare del succo!” ha commentato il professionista. La macchina ha fatto un rumore. L’odore delle mele si diffuse. Ho messo Flavie sulle mie spalle per mostrargli cosa succedeva nel torchio. Poi Hervé è passato alla fase di pastorizzazione, che viene fatta a 78 gradi. Il succo ha iniziato a uscire! Ci ha fatto notare il colore arancione del succo mentre le mele erano verdi. Era il mio turno di attaccare le etichette e mi sono abituata rapidamente, nonostante un errore da principiante che ha fatto ridere tutti!

un aiuto ben accetto
Un aiuto ben accetto… © Caroline Bazin

Al ritmo delle maree sui passi dei contrabbandieri

Poi ci dirigiamo verso il castello. Lungo la strada, ci fermiamo davanti alle case sugli alberi. Una di esse è una delle più alte d’Europa. Siamo ora in una piccola sala dove Hervé ci dà altri dettagli sulle mele. Poi chiede a Maël di schiacciare una mela con le sue mani. Missione impossibile, ovviamente. Hervé ci mostra poi come funziona una vecchia pressa manuale. I visitatori della tenuta si affollano intorno a lui. Bisogna dire che Hervé ci sa fare con le parole! Tutti poi assaporano il frutto del nostro lavoro di squadra. Verdetto: una delizia!

Domaine de Ouézy

Il Domaine de Ouézy è costruito intorno al suo castello del XII secolo. La tenuta copre 30 ettari. Nel parco degli animali, dove gli animali vivono in semi-libertà, incontrerete maiali, mucche normanne e Highland, o alpaca. La fattoria didattica è una parte importante della tenuta. Si può anche soggiornare in capanne originali, alcune delle quali sono situate sugli alberi. Inoltre, vengono organizzate regolarmente attività per le famiglie.

Esperienza spremere il nostro succo di mela bio nel Pays d’Auge © Caroline Bazin

Informazioni pratiche

Domaine de Ouézy
22 rue Auguste Lemonnier
14270 Ouézy
02 31 40 68 19 / 06 15 41 85 90
[email protected]
ferme-pedagogique.fr

Date 2022

Diverse date dal 1° settembre al 15 novembre 2022

Tariffe 2022

A partire da 4 euro a persona.

Dove dormire?

Le insolite capanne del Domaine de Ouézy.

Dove mangiare

La fattoria didattica propone uno snack.

Buono a sapersi

L’esperienza può essere vissuta da persone con disabilità visive o mentali.

Contesto attuale e misure sanitarie

I fornitori di servizi presentati nelle esperienze normanne rispettano le misure sanitarie in vigore.

Le informazioni pratiche fornite sono soggette a modifiche.

Hérvé De Mézerac

Proprietario della tenuta e cultore delle mele

Hervé ha rilevato la fattoria da suo padre, che non era molto appassionato di mele. Hervé ha piantato ogni albero del frutteto, uno per uno, a mano.