Conosciuto oggi come “uno dei più bei villaggi di Francia”, il Bec è stato a lungo un centro religioso molto influente.

La nascita del villaggio

Auberge de l'Abbaye du Bec-Hellouin
© Patrick Forget

Fondata intorno al 1034 da un cavaliere del Conte di Brionne, un uomo di nome Hellouin (o Herluin), l’Abbazia del Bec divenne rapidamente un importante centro del cristianesimo sotto l’impulso di due uomini: il costruttore Lanfranco da Pavia e il filosofo Anselmo d’Aoste hanno reso famoso questo piccolo angolo di Normandia diffondendo la cultura spirituale del Bec, in particolare oltremanica. Abati sulle rive della Risle, furono anche arcivescovi di Canterbury. Molto presto i monaci favorirono la nascita del villaggio per avere manodopera nelle vicinanze.

Uno dei più bei villaggi di Francia

Il Bec-Hellouin ha potuto così vivere al ritmo dell’abbazia, della sua prosperità come dei suoi momenti di sofferenza. Il 1417 fa parte degli anni difficili: in piena Guerra dei Cent’anni, l’abate temendo gli assalti devastatori delle truppe inglesi intraprese una politica di “terra bruciata” che annientò il villaggio, ma che non impedì agli Inglesi d’impadronirsi dell’abbazia. Durante la Rivoluzione francese, gli edifici conventuali divennero una caserma di cavalleria. È solo nel 1948 che i monaci ritrovano il Bec raggiunti, l’anno successivo, dalle monache benedettine di clausura che costruirono il loro monastero.

Oltre ai suoi edifici religiosi, Bec-Hellouin si distingue per la sua eccezionale ubicazione, le strade calme e fiorite e le case a graticcio.

Abbazia, Chiese, monasteri…

Moines dans l'abbaye du Bec-Hellouin
© Philippe Deneufve

L’Abbazia Notre-Dame du Bec: Monumento storico e proprietà dello Stato, l’abbazia è ancora occupata dai monaci benedettini la cui produzione artigianale di ceramiche contribuisce al prestigio attuale del Bec-Hellouin. La maestosa torre San Nicola domina un luogo in cui la pace regna sovrana, tra il convento e il chiostro del XVII secolo.

La chiesa di Sant’Andrea: Eretta nel 1039, la chiesa del borgo dipendeva, fino alla Rivoluzione francese, dall’abbazia. Ed è solo nel 1792 che la sepoltura del Beato Hellouin fu trasferita nella chiesa e si trova, ancora oggi, al centro dell’abbazia.

Il monastero di Santa Francesca Romana: A 2 km dall’abbazia, 26 monache di clausura vivono seguendo la regola di San Benedetto, in edifici costruiti nel 1950.

I luoghi da visitare assolutamente

  • Abbazia del Bec 
  • La chiesa di Sant’Andrea
  • Il monastero Santa Francesca

Nei dintorni

  • Aggiungi al segnalibro