Emblema gastronomico per eccellenza, il Camembert de Normandie deve il suo nome al villaggio di Camembert, situato non lontano da Vimoutiers, nell’Orne.

Un pezzettino di Paradiso in Normandia…

Camembert
© Durand

Andando in questo piccolo angolo di paradiso, ai confini del Pays d’Auge e del Pays d’Ouche, incontrerete un’autentica Normandia ricca di sapori. Camembert è uno di quei villaggi che ci piace esplorare e fotografare! Il cartello Camembert situato all’ingresso del villaggio si presta bene a questo. Una sosta alla Maison du Camembert è d’obbligo per familiarizzare con i processi di fabbricazione del Camembert de Normandie, che dal 1983 ha l’AOC (Appellation d’Origine Contrôlée). Per la cronaca, la ricetta del Camembert è attribuita a una contadina locale, Marie Harel, che nel 1791 sviluppò il famoso formaggio su consiglio di un prete refrattario di Brie. Alla periferia del villaggio, si passa di scoperta in scoperta in un ambiente preservato, a mille miglia di distanza dal trambusto della città. Valli tranquille con verdi pascoli, meli e manieri a graticcio delimitano il percorso e invitano alla serenità assoluta.

Cosa vedere, cosa fare a Camembert

La Maison du Camembert (il museo): Per scoprire tutto sul Pays d’Auge e sui diversi processi di produzione di Camembert de Normandie.

La Maison de Camembert: Tonda e bianca, dall’esterno sembra una scatola di Camembert semiaperta. In stagione, è un luogo di esposizione.

Il maniero di Beaumoncel: Questa bella casa padronale è tipica del Pays d’Auge. Era la casa di Marie Harel che si dice abbia nascosto un sacerdote in fuga durante la Rivoluzione Francese. Si dice che questo stesso sacerdote le abbia affidato una ricetta di formaggio che lei adattò ” a suo modo” per fare il famoso Camembert.

Ferme de la Héronnière – Fromagerie Durand: Visitate l’ultimo caseificio agricolo di Camembert che produce il vero Camembert A.O.C. Camembert, prodotto con latte crudo.

Nelle Vicinanze…

Visite presso i produttori: A Camembert e nei dintorni, bussate alla porta dei produttori e scoprite i profumi e i sapori del territorio. Le specialità dell’Ornen sono numerose. Sidro e Calvados AOC, ma anche Poiré (sidro di pere del Domfrontais), panna, spiedini di trippa di La Ferté Macé, senza dimenticare l’incomparabile sanguinaccio nero, la cui capitale è Mortagne au Perche… sono tutti prodotti succulenti, che conquisteranno le papille gustative dei buongustai.

Le Sap: villaggio tipico di spirito medievale, accoglie un ecomuseo «Dalla mela al calvados», dove imparerete i procedimenti di fabbricazione tradizionale del sidro e dell’acquavite.

Altri luoghi da non perdere in NORMANDIa

Argentan
Eglise St Germain à Argentan © packshot – fotolia.com

Argentan
Sulle rive del fiume Orne, una delle più importanti fortezze della Normandia rivela le vestigia del suo turbolento passato. La destrezza delle sue operaie ha reso Argentan l’altra grande città del merletto.

Chevaux au haras du Pin
© Thierry HOUYEL

Le Haras du Pin
Una visita al sito offusca senza dubbio ogni scetticismo su questo appellativo. La bellezza del sito e degli edifici testimonia l’immenso rispetto che l’uomo ha per la “sua più nobile conquista”.

Saint-Céneri- Le-Guérai
© Eva Tessier CRT

Saint-Cénéri-le-Gérei
Nel cuore delle Alpi Mancelles, il piccolo villaggio di Saint-Céneri-Le-Gérei ha quel qualcosa in più che lo rende uno dei più bei villaggi di Francia. Nel XIX secolo, il villaggio attirò numerosi pittori, tra cui Corot e Courbet.

  • Aggiungi al segnalibro