Chartreuse Saint-Julien et Jardin du Cloître

Patrimonio culturale, 

LE PETIT-QUEVILLY

Jardin du Cloître © Bruno Maurey (2)
Jardin du Cloître © Bruno Maurey (5)
Jardin du Cloître © Bruno Maurey (4)

La Normandia, e più in particolare la regione Seine-Maritime, possiede alcuni magnifici siti storici e medievali che meritano una visita, come la Chartreuse de Saint-Julien a Petit Quevilly, vicino a Rouen. Il sito è tipico della lunga storia dei monasteri in Normandia.

La tenuta di Saint-Julien fu creata nel XII secolo da Enrico II Plantageneto, duca di Normandia e re d'Inghilterra, con una cappella e un maniero per ospitare malati e lebbrosi. All'inizio del XVII secolo si insediarono diverse confraternite religiose, seguite dall'arrivo dei monaci certosini nel 1667. Nel 1678, i certosini costruirono la prima certosa sul sito dell'attuale ospedale Saint-Julien. Tuttavia, la comunità crebbe con nuovi monaci e il monastero non era più adatto.
L'acquisizione di nuovi terreni permise alla tenuta di espandersi e fu costruita una nuova certosa più a est. Nel 1686, Nicolas Le Genevois progettò un progetto ambizioso con un padiglione di accoglienza, una chiesa, una sala capitolare, una cucina per il refettorio e venti celle disposte intorno a due chiostri. Per garantire un migliore isolamento dal mondo esterno, un lungo muro di quasi tre chilometri circondava la tenuta. Nel 1698, una parte di questo progetto fu costruita e i monaci vi si trasferirono.

A causa di difficoltà finanziarie, la costruzione di questa nuova certosa non fu mai completata. La Rivoluzione francese confiscò la tenuta come proprietà nazionale e smantellò il monastero, abolendo l'Ordine certosino. Come molti edifici religiosi, la Certosa divenne una cava di pietra e altri materiali. I due chiostri scomparvero insieme alla chiesa, al refettorio e a parte del muro di cinta. Gli edifici rimasti si sono salvati e sono stati utilizzati per abitazioni e altri scopi.
Assorbiti dallo sviluppo urbano moderno, i resti della certosa sono stati riscoperti e successivamente inseriti nella lista dei monumenti storici. Nel 2010 è stato avviato un importante progetto di restauro e valorizzazione dei resti con la creazione di un parco.

Oggi aperto al pubblico, il giardino, dedicato alla contemplazione e alla meditazione, ricorda la sua originaria vocazione alimentare, con orti, meli e piante medicinali.

Una visita alla cappella di St Julien, gioiello del Medioevo con le sue eccezionali pitture murali, è d'obbligo se si vuole conoscere meglio il patrimonio religioso di Petit-Quevilly. Se avete voglia di fare una passeggiata, ci sono due itinerari molto dettagliati elaborati dal Comune per aiutarvi a conoscere la città e la diversità del suo patrimonio, raccontando la storia dei luoghi e delle persone.

Prestazioni

Servizi

  • Animali accettati
  • Gruppi accettati

Nelle vicinanze

Chapelle Saint-Julien

Chapelle Saint-Julien

Les Capucines

Les Capucines

Hôtel Armada

Hôtel Armada