Il marchio “Petites Cités de Caractère”, nato a metà degli anni ’70, premia le città e i villaggi che possiedono un patrimonio straordinario. Da Bellême a Sées, scoprite questi piccoli villaggi che profumano di Normandia.

Touques

Con il suo porto che arrivava direttamente al mare, Touques era un importante centro economico nel Medioevo. Di quel periodo di prosperità, la città ha conservato alcuni preziosi resti, tra cui la chiesa di Saint-Pierre dell’XI secolo, un bell’esempio di costruzione romanica, e il mercato coperto del XV secolo.

Bellême

Costruita su uno sperone roccioso, vicino a una foresta il cui sottobosco è ricco di funghi, Bellême conserva molte vestigia del suo passato, tra cui il portico del XV secolo della città fortificata e le vecchie case con le facciate del XVII e XVIII secolo.

Domfront

Domfront
Domfront © Stéphane Maurice

Domfront ha saputo conservare nei secoli il suo carattere medievale: case a graticcio, strette stradine acciottolate fiancheggiate da torri difensive e palazzi signorili. Senza dimenticare i resti del suo torrione e la chiesa di Notre-Dame-sur-l’Eau, un bell’esempio di architettura romanico normanna.

Écouché

Anticamente fortificata, Écouché era una sosta per i pellegrini in viaggio verso il Mont-Saint-Michel nel Medioevo. Sebbene sia stata colpita durante i combattimenti per la Liberazione nell’agosto del 44, le strette vie intorno alla sua chiesa gotica lasciano intravedere piccoli palazzi con graziose torrette.

Sées

Roccaforte romana e poi città episcopale del IV secolo, Sées, duramente colpita dalle invasioni vichinghe, fu ricostruita intorno a 3 villaggi distinti nel X secolo. Città ospedale durante la battaglia di Normandia nel 1944, Sées è stata risparmiata dai bombardamenti. La cattedrale, capolavoro dell’architettura gotica, domina la città e i suoi vecchi quartieri.

La Perrière

La Perrière
La Perrière © Ben Collier

Il villaggio costruito su uno sperone roccioso, classificato come sito naturale, domina la campagna del Perche. Importante centro di produzione di ricami a filet fino dal 1870, le sue stradine strette e le numerose case del XVI e XVII secolo con le loro facciate colorate testimoniano questo ricco passato.

Le Sap

Il villaggio si è sviluppato alla fine dell’XI secolo intorno all’imponente Fort Montpellier, di cui si possono ancora vedere importanti resti. Costruita all’incrocio tra il Pays d’Auge e il Pays d’Ouche, la cittadina presenta tipiche case in mattoni rossi e belle case a graticcio, costruite tra il Medioevo e il XIX secolo.

Mortagne-au-Perche

Couple dans les ruelles de Mortagne-au-Perche
Mortagne-au-Perche © Teddy Verneuil

Capitale del sanguinaccio, luogo di nascita del filosofo Alain, autore de La Dépêche de Rouen et de Normandie, questa antica città murata rivela, attraverso le sue strette stradine e i vicoli acciottolati, belle case, palazzine signorili, giardini privati, senza dimenticare alcuni resti come la Porte Saint-Denis, la cripta Saint-André, il chiostro e la cappella Saint-François…

Longny-au-Perche

Edificata a partire dall’XI secolo, la città deve la sua prosperità all’industria del ferro e al commercio. Dominata dalla guglia della sua chiesa e dalla sua cappella, un gioiello del Rinascimento, Longny-au-Perche ha conservato il tipico edificio del Perche e le vecchie case a graticcio.

Saint-Céneri-le-Gérei

Saint-Céneri-le-Gérei
Saint-Céneri-le-Gérei © Teddy Verneuil

Nel cuore delle Alpi Mancelles, questo pittoresco villaggio, con il suo ponte sul fiume, le belle case in pietra, la chiesa romanica con splendidi affreschi del XII e XIV secolo e la cappella gotica del Petit Saint-Céneri, ha ispirato molti pittori famosi come Corot, Courbet… e invita a passeggiare.

Saint-Pair-sur-Mer

Stazione balneare, Saint-Pair-sur-Mer è una delle più antiche città della baia del Mont-Saint-Michel. Colonizzata nel X secolo dagli scandinavi poi amministrata dai monaci del Mont-Saint-Michel, la città prosperò prima di essere detronizzata da Granville nel XV secolo. È rinata nel XIX secolo con la moda dei bagni di mare.

Bricquebec-en-Cotentin

Sorta con l’arrivo dei Vichinghi, dopo un passato tumultuoso, la città diventa un importante centro economico nel XV secolo. Testimone di questo periodo, il vecchio castello, costruito dall’XI al XV secolo, con il suo alto torrione poligonale e la sua enorme sala signorile romanica, domina il paese.


I siti UNESCO in Normandia

I siti UNESCO in Normandia

L’architettura moderna in Normandia

L’architettura moderna in Normandia

I fari più belli della Normandia

I fari più belli della Normandia

  • Aggiungi al segnalibro