I consigli dei nostri fans Facebook

Abbiamo chiesto ai nostri fans (se non ci seguite ancora… siamo qui) di elencare i loro “luoghi” da consigliare per una vacanza in Normandia. Alcuni, come ad esempio Rosi C., pensano che l’unica cosa da dire sia: “vai, e poi tornaci, e poi di nuovo, ancora, ancora e ancora”.

Nonostante per tanti sia stato difficile scegliere… Ecco alcuni dei loro consigli!

Rouen

La città di Madame Bovary

Secondo Rosi C. “Rouen, città di Madame Bovary, e la magnifica Senna” sono tappe obbligatorie nella definizione dell’itinerario delle vacanze. Maria A. è dello stesso avviso: per lei Rouen e una città “molto romantica” e molto belli sono i “ monasteri lungo la Senna”.

Rouen è chiamata la città dai 100 campanili a causa del suo imponente patrimonio religioso. La città, capitale storica della Normandia, è ricca di musei, splendide chiese e case a graticcio. Essa ha dato i natali, tra gli altri, allo scrittore Gustave Flaubert, il quale scelse di ambientare la storia di “Madame Bovary” nella città di Rouen e nelle immediate vicinanze.

I nostri consigli:

Se cercate esempi di arte gotica, non perdetevi la cattedrale di Notre-Dame, l’abbaziale di Saint-Ouen e la chiesa di Saint-Maclou. Nella “Place du vieux marché” venne messa al rogo Giovanna d’Arco. Ora, in quella piazza, potete ammirare la chiesa a suo nome dall’architettura particolare. Sempre sulla piazza, osservate le case a graticcio tipiche della zona.

Lungo la Senna, invece, troverete moltissime abbazie come per esempio l’Abbazia di Jumièges o l’Abbazia di San Giorgio di Boscherville.

Dove soggiornare

Gli hotels a Rouen

   
Visualizza tutti

Honfleur

Romantica e pittoresca

Honfleur, città pittoresca e romantica con il suo piccolo porto, le stradine medievali, le piccole boutique e i numerosi ristoranti, vi saprà conquistare. Che cosa c’è di più romantico che venire ad Honfleur con il proprio amato/a e approfittare dell’atmosfera magica della cittadina? Gli innamorati (e non solo) potranno passeggiare per le stradine pittoresche, assaporare un pranzo prelibato in uno dei tanti ristorantini, alloggiare in un hotel di autentico charme…

Il nostro consiglio:

L’insieme formato dal Vieux Bassin, le case pittoresche del quai Sainte-Catherine, la Lieutenance e la chiesa Saint-Etienne vi colpiranno sicuramente, se visitate Honfleur per la prima volta! Non perdetevi anche la visita della Chiesa Ste Catherine.

Dove soggiornare

Hotels e chambres d'hôte ad Honfleur

   
Visualizza tutti
   
Visualizza tutti

Il Mont-Saint-Michel e la sua baia

Le straordinarie maree del Mont-Saint-Michel

Il Mont-Saint-Michel è, senza ombra di dubbio, una tappa che tutti i fans includono nel proprio itinerario. Teatro delle maree più grandi dell’Europa continentale, il Mont-Saint-Michel stupisce e affascina grandi e piccoli.

In effetti, non appena il coefficiente di marea supera 110, il Mont ridiventa un'isola nel giro di poche ore.

Oltre alle suggestive maree, visitate la l'abbazia benedettina del Mont-Saint-Michel che rappresenta uno degli esempi più grandi dell'architettura al contempo religiosa e militare dell'epoca medievale.

Il nostro consiglio:

Se volete osservare il fenomeno della marea, controllate gli orari in modo da scegliere quale giorno dedicare alla visita del Mont e dell’Abbazia. Se decidete di visitare l’abbazia, informatevi circa gli orari in cui vengono effettuate le visite commentate (comprese nel prezzo). Se volete un’esperienza “diversa” pensate alla traversata a piedi della Baia accompagnati da una guida. Un’esperienza unica!

Dove soggiornare

Hotels a Mont-Saint-Michel

   
Visualizza tutti

Etretat

Un luogo romantico: le falesie al tramonto

Etretat è, senza alcun dubbio, una cittadina in riva al mare molto suggestiva. Incorniciata dalle maestuose falesie, la falesia d’Amont e d’Aval, Etretat saprà stupirvi.

Il “Résidence Manoir De La Salamandre”, un antico edificio che ospita un hotel, la cappella “Notre Dame de la Garde” che si trova in cima alla falesia d’Amont sono alcune delle perle che custodisce la cittadina. La chiesa "Notre Dame de la Garde", costruita a metà del XIX secolo e ricostruita a metà del XX secolo dopo esser stata pesantemente danneggiata dai bombardamenti della Seconda Guerra mondiale, è dedicata ai marinai.

Il nostro consiglio:

come tanti anche voi provate l’emozione di fare un picnic all’aperto in cima alla falesia d’Aval, vicino alla cappella.

Il consiglio dei nostri fans:

Secondo Cristian G., per una vacanza romantica a due, “Etretat al tramonto è il number one “.

Dove soggiornare

Hotels ad Etretat

   
Visualizza tutti

Caen

La città dei duchi di Normandia

La città di Caen può essere il punto di partenza per visitare le spiagge dello sbarco in Normandia, ma non solo! La città è stata completamente ricostruita dopo i bombardamenti della Seconda Guerra mondiale; se volete visitare un quartiere con le caratteristiche case a graticcio e con tanti ristorantini dalla cucina prelibata, dovete passare per il quartiere Vaugueux.

Nella città potrete visitare gratuitamente il castello di Guglielmo il Conquistatore e, anche se sono rimaste solo le mura esterne, vi darà una vista completa del panorama della città.

Il nostro consiglio:

non mancate di visitare il Memoriale di Caen, museo della pace.

 

Spiagge dello Sbarco

Una visita toccante ed emozionante

È l’alba del 6 giugno 1944: inizia una delle più vaste e importanti operazioni militari tutti i tempi, lo Sbarco in Normandia.

Si tratta senza ombra di dubbio di una delle visite più commoventi e emozionanti di tutto il vostro itinerario poiché, attraverso i musei, monumenti e cimiteri potrete “rivivere” quello che è stato “il giorno più lungo”.

Sword, Juno, Gold, Omaha, Utah: sono i nomi delle spiagge che hanno segnato la più grande operazione anfibia e aerotrasportata di tutti i tempi. Ancora oggi milioni di visitatori vengono su queste spiagge a rendere omaggio ai soldati che hanno consentito la liberazione dell'Europa.

Molti fans vi consigliano di fare una sosta ad Arromanches per vedere gli impressionanti resti del porto artificiale Mulberry B, fare una sosta al museo dello Sbarco e ad Arromanches 360° per poi pranzare (o cenare) in uno dei tanti ristorantini del villaggio.

Il consiglio dei nostri fans:

Simone P. è un appassionato della zona e vi consiglia, se volete approfondire il tema del sacrificio fatto da tanti uomini e donne, di "visitare anche i cimiteri canadesi e polacco oppure quelli inglesi poco conosciuti, come Ryes o il piccolissimo Jerusalem War Cemetery con solo 48 tombe...". Fermatevi ad Angoville au Plain, "minuscolo villaggio con la chiesetta protagonista di una vicenda del DDay". La chiesa, infatti, fu trasformata in posto di soccorso dalla 101° US Airborne division.

Fécamp

Autentica e ricca di charme

Il villaggio di Fécamp, che si trova sulla Costa d'Alabastro, vi sedurrà con il suo aspetto autentico e il suo charme naturale.

Non perdetevi una vista allo straordinario Palais Bénédictine, dove viene prodotto l'omonimo e imitatissimo liquore Bénédictine. La nascita del famoso elisir digestivo, ottenuto dalla mescolanza di piante diverse, si deve al monaco benedettino Bernardo Vincelli, nel 1510. Oltre al museo d’arte medievale potrete visitare la sala delle piante aromatiche e delle spezie, la distilleria e le cantine.

Il nostro consiglio:

A qualche chilometro da Fécamp, fate una deviazione per Yport, piccolo villaggio di pescatori. Classificata come località balneare fin dal 1929, Yport ha accolto numerosi personaggi celebri come Dieterle, Maupassant, Gide, Laurens e Boudin.

La gastronomia normanna

Una delizia per il palato

Dopo una giornata passata a visitare le bellezze architettoniche e paesaggistiche della Normandia, bisogna riprendere le forze e assaporare le prelibatezze gastronomiche normanne. Ma cosa scegliere? Maria A, per esempio, ha “apprezzato i frutti di mare che abbondano lungo tutta la costa”, altri apprezzeranno i piatti tipici di ogni singola città, come ad esempio “la trippa alla moda di Caen, le “lacrime di Giovanna d’Arco” di Rouen o l’agnello dei “prés salés” specialità tipica della Baia del Mont Saint Michel.

Il nostro consiglio:

Se vi piacciono i frutti di mare e siete a Trouville, passate per il mercato del pesce. Inoltre nel vostro itinerario in territorio normanno non dimenticate di prevedere una visita presso un caseificio o una sidreria.