Da vedere ad Alençon

Alençon, capoluogo del dipartimento dell’Orne, è conosciuta a livello mondiale per il suo prezioso merletto e per esser la città natale di Santa Teresa di Lisieux.

Da non perdere

> Museo delle Belle Arti e del Merletto: A lungo tenuta gelosamente segreta, la tecnica del pizzo al “punto d’Alençon” è unica al mondo. Questo pizzo dona alla città una sua identità e rappresenta oggi una vera eccellenza.

> La Casa Natale di Santa Teresa del Bambin Gesù (rue Saint-Blaise): visita della camera dove nacque Thérèse Martin il 2 gennaio 1873 e della Cappella adiacente alla casa. I suoi genitori, Louis e Zélie Martin, beatificati nel 2008, sono stati canonizzati a Roma il 18 ottobre 2015 da papa Francesco.

> La prefettura (rue Saint-Blaise): antico Hôtel de Guise, costruito verso il 1630 in puro stile Luigi XIII, con mattoni rosa e rinforzi in granito di Hertré.

> Il municipio (place Foch): costruito tra il 1783 e il 1788 dall’architetto Delarue.

> Basilica Notre-Dame: navate del XV secolo con un magnifico portale di stile gotico fiammeggiante di inizio secolo XVI, così come le meravigliose vetrate (1530). Il coro e il campanile sono stati ricostruiti verso la metà del XVIII secolo in seguito ad un incendio. Il portico, composto da tre arcate, offre tre ghimberghe (frontoni altissimi) finemente traforate: in quella centrale sette statue rappresentano la Trasfigurazione, quella di San Giovanni volta le spalle alla strada.

> La Maison d'Ozé (Place Lamagdelaine): risalente al XV secolo, apparteneva alla famiglia le Coustelier e oggi ospita l’Ufficio del Turismo.

> Il Castello dei Duchi (XIV e XV secolo): in place Foch, ancora imponente con le due torri massicce che inquadrano la porta dell’attuale prigione.

> Il Tribunale del Commercio (rue du Bercail): con la sua torretta poligonale, è un’elegante costruzione della seconda metà del XV secolo che fu, dal 1640, la sede dell’ufficio delle finanze. Balzac lo descrive in "Le Cabinet des Antiques" del 1838.

> La biblioteca municipale (rue du Collège): è situata nell’antica cappella del collegio dei Gesuiti. All’interno, i rivestimenti in legno del XVIII secolo provengono dell’Abbazia du Val Dieu.

> La Halle au Blé: monumento emblematico della città, questo edificio circolare fu costruito tra il 1811 e il 1819.

> Il quartiere Saint-Léonard: è il quartiere della vecchia Alençon tale come si sviluppò nel Medio Evo, in cerchi concentrici dall’incrocio di Etaux. Passeggiando potrete ammirare un gran numero di facciate, finestre, scale a vista, balconi in ferro battuto che costituiscono il fascino di queste vecchie stradine.

> La Cappella Notre-Dame de Lorette: nel quartiere di Montsort, costruita verso il 1680, merita una visita.