Un'estate a Le Havre 2018

Dopo l'enorme successo dell'edizione 2017, edizione che segnava i 500 anni della città, Un Eté au Havre (un'estate a Le Havre) torna nel 2018 con un sacco di sorprese. L'event è sia Arty che popolare, ed è un'ottima scusa per venire a (ri)scoprire questa città in riva al mare dall’architettura avanguardista.

Una serata d'apertura "fuoco e fiamme"

E se ci prendessimo un po' di tempo per sognare? Una cosa è certa: Un Eté au Havre vi farà viaggiare! Questa edizione è incentrata sui 4 elementi: fuoco, acqua, aria, terra. La scenografia della cerimonia d'apertura di sabato 23 giugno è stata affidata ad un punto di riferimento dell'arte di strada: la compagnia Carabosse. Preparatevi a stupirvi! In programma: il lungomare "infiammato" grazie ad un'installazione-spettacolo. Per quanto riguarda la musica, 100 chitarristi locali saranno diretti dal compositore americano Rhys Chatham, conosciuto per essere all'avanguardia.

 

Le opere perenni

Nell'arco di un anno, "Catène de containers" di Vincent Ganivet si è imposto come un'opera emblematica di Le Havre. Essa rende moaggio alla vocazione portuale della città. L'opera "UP#3" di Lang e Baumann ritorna sulla spiaggia per la gioia dei fotografi che, l'anno scorso, l'hanno fotografata sotto ogni angolo.

"Impact" dell’artista Stéphane Tidet è sempre in loco. Due getti d'acqua si scontrano sopra il Bassin du commerce. E non dimentichiamoci di "Couleurs sur la plage", le capanne colorate di Karel Martens. In tutt'altro stile, il writer Jace ha seminato i suoi "Gouzous" negli angoli più improbabili della città. Saprete ritrovarli?

 

Nuove opere, monumentali o interattive

Anche quest'anno delle opere che fanno ricorso all'immaginario popoleranno le strade di Le Havre. Alcune opere saranno effimere, altre rimarrano in loco. Amore a prima vista per il disco volante firmato Matti Suuronen. Atterraggio previsto il 23 giugno presso i Jardins Suspendus. Una buona notizia: potrete visitare l'interno! Sulla spiaggia, una scultura monumentale "Jusqu’au bout du monde" rappreseta un padre e la sua famigia che guardano verso il futuro.

Et si on prenait le temps de rêver un peu ? Une chose est sûre : Un Eté au Havre va vous faire voyager ! Cette édition est axée sur les 4 éléments : le feu, l’eau, l’air, la terre. La mise en scène de la cérémonie d’ouverture du samedi 23 juin a été confiée à une référence de l’art de rue : la compagnie Carabosse. Attendez-vous à en prendre plein les yeux ! Au programme : l’embrasement du front de mer, grâce à une installation-spectacle. Côté musique, 100 guitaristes locaux seront dirigés par le compositeur américain Rhys Chatham, connu pour être à l’avant-garde.


Les oeuvres pérennes

En l'espace d'un an, Catène de containers de Vincent Ganivet s’est imposée comme une œuvre emblématique du Havre. Elle rend hommage à la vocation portuaire de la ville. L'œuvre UP#3 de Lang et Baumann revient sur la plage, pour le plus grand plaisir des photographes qui l’ont prise sous toutes les coutures l’an passé. Impact de l’artiste Stéphane Tidet est toujours en place. Deux puissants jets d’eau se télescopent au-dessus du Bassin du commerce. On ne s’en lasse pas ! Sans oublier Couleurs sur la plage, les cabanes colorées de Karel Martens. Dans un autre style, le graffeur Jace a semé ses Gouzous dans les coins les plus improbables. Saurez-vous les retrouver ?

 

De nouvelles œuvres, monumentales ou interactives

Cette année encore, des œuvres faisant appel à l’imaginaire vont peupler les rues du Havre. Certaines seront éphémères et d’autres ont vocation à rester. Coup de cœur pour la soucoupe volante signée Matti Suuronen. Atterrissage prévu le 23 juin aux Jardins Suspendus. Bonne nouvelle, vous pourrez visiter l’intérieur ! Sur la plage, une sculpture monumentale Jusqu’au bout du monde représente un père et sa famille qui regardent vers l’avenir.

E se ci prendessimo un po' di tempo per sognare? Una cosa è sicura: Un Eté au Havre vi farà viaggiare! Questa edizione è incentrata sui 4 elementi: il fuoco, l'acqua, l'aria e la terra. Lo scenario della cerimonia d'apertura di sabato 23 giugno è stata affidata ad un punto di riferimento dell'arte di strada: la compagnia Carabosse. Preparatevi a sorprendervi! In programma: il lungomare "infiammato", grazie ad una installazione-spettacolo. Per la musica, 100 chitarristi locali saranno diretti dal compositore americano Rhys Chatham, conosciuto per essere all'avanguardia.

 

Le opere perenni

 

Nell'arco di un anno l'opera "Catène de containers" di Vincent Ganivet si è imposta come un'opera emblematica di Le Havre. Essa rende omaggio alla vocazione portuale della città. L'opera UP#3 di Lang e Baumann ritorna sulla spiaggia, per la grande gioia dei fotografi che l'hanno fotografata da ogni angolo l'anno scorso. "Impact" dell’artista Stéphane Tidet è sempre in loco. Due potenti getti d'acqua si scontrano sopra il Bassin du commerce. Come non citare "Couleurs sur la plage", le capanne colorate di Karel Martens. In un altro stile, il writer Jace ha seminato i suoi "Gouzous" nei posti più improbabili. Saprete ritrovarli?

 

 

De nouvelles œuvres, monumentales ou interactives

 

Cette année encore, des œuvres faisant appel à l’imaginaire vont peupler les rues du Havre. Certaines seront éphémères et d’autres ont vocation à rester. Coup de cœur pour la soucoupe volante signée Matti Suuronen. Atterrissage prévu le 23 juin aux Jardins Suspendus. Bonne nouvelle, vous pourrez visiter l’intérieur ! Sur la plage, une sculpture monumentale Jusqu’au bout du monde représente un père et sa famille qui regardent vers l’avenir.

Grandi mostre ed opere nel cuore della città

Quai Augustin Normand, un'altra opera XXL vi sorprenderà: un elefante di 5 m d'altezza in equilibrio... sulla schiena di un uomo. divertente l'opera interattiva installata sul piazzale della spiaggia! Potrete serdervi in diversi e spostarvi simultaneamente...

 

Mostre ed eventi

diverse mostre saranno in programma. Appuntamento al Musée d'art moderne André Malraux (MuMa), alla (sublime) biblioteca Oscar Niemeyer, al Tetris per EXHIBIT!, nuovo festival autour delle culture digitali, o ancora al Portique, Centro d'arte contemporanea. "Un'Estate a Le Havre" è anche il Week-end dello scivolo alla spiaggia, Moz’aïque, festival delle musiche del mondo, il Solitaire Urgo Le Figaro e il suo villaggio, il Ouest Park Festival e molti altri appuntamenti. L'unione di tutti questi elementi vi faranno passare dei bei momenti in questa città alla moda del litorale.

Alcune opere d'arte monumentali presentate l'anno scorso saranno installate nel cuore della città insieme ad altre nuove opere che verranno probabilmente a completare il quadro. Mostre, concerti e una grande festa.

Un'estate a Le Havre 2018

Dal 23 giugno al 23 settembre 2018
> Il sito
> La pagina Facebook


In 1 clic

> La serata d'apertura del 23 giugno
> I percorsi su una cartina
> L’applicazione (disponibile gratuitamente)

 

Lo sapevate?

  • Le Havre fu fondata nel 1517 da Francesco I che ordinò la creazione di un porto fortificato e firma, lo stesso anno, le carte della fondazione della città.
  • E’ a Le Havre che Claude Monet ha dipinto Impression, soleil levant nel 1872. Questo quadro darà in seguito il nome al movimento impressionista.
  • L’architetto Oscar Niemeyer che ha immaginato e fatto “uscire dalla terra“ il Vulcano (Le Volcan), monumento emblematico di Le Havre, era brasiliano.
Non è ancora LA, ma è già LH (Jean-Marc Barr, commediante)

Una città fotogenica

  • Il realizzatore finlandese Aki Kaurismäki ha ottenuto il Premio della Critica internazionale al Festival di Cannes 2011 e il Premio Louis-Delluc per il film Le Havre. Little Bob, figura del rock’n’roll francese e da molto tempo abitante di Le Havre, recita una piccola parte.

Organizzare il soggiorno

Dove dormire?

   
Visualizza tutti
   
Visualizza tutti
   
Visualizza tutti